Reiki

Cos’è il Reiki?

reiki-scrittaBenché ci sia già una pagina su questo sito dedicata all’argomento, ho pensato che sarebbe stato utile inserire la stessa spiegazione anche in un articolo :-). Quindi, cos’è il Reiki? Il Reiki è un metodo semplice, naturale e sicuro di sviluppo personale e di evoluzione spirituale alla portata di tutti. È una pratica attraverso cui l’energia vitale universale viene trasmessa appoggiando le mani su alcuni punti del corpo del ricevente, un metodo di guarigione naturale nato in Giappone ad opera di Mikao Usui (1865-1926, nella foto a destra); non è una religione.mikao-usui-STORIA-187x300-187x300

Per praticarlo è necessario essere attivati alle frequenze del Reiki da un Reiki Master. Non è necessario avere particolari capacità intellettuali o seguire un determinato percorso spirituale. Migliaia di persone di tutte le età e di svariate culture ne traggono beneficio in tutto il mondo. Reiki è una parola giapponese che può essere scomposta in due sillabe:

Rei – Saggezza Spirituale. È la saggezza che viene da Dio o dal Sé Superiore. È la consapevolezza Universale che è onnisciente, che conosce ogni persona nel profondo. Che conosce la causa di tutti i problemi e le difficoltà e sa come risolverli.

Ki – La Forza Vitale. Ha lo stesso significato di Chi in Cinese, Prana in Sanskrito e Ti o Ki in Hawaiano. Ha avuto molti altri nomi a seconda delle culture che ne sono divenute consapevoli. Ki è la forza vitale, è chiamata anche forza vitale universale. Si tratta di un’energia immateriale che anima tutti gli esseri viventi. La forza vitale permea e circonda tutto ciò che ha vita e ha un ruolo importante in tutto quello che facciamo. Non solo anima il corpo, ma è anche l’energia primaria che alimenta le nostre emozioni, i nostri pensieri e la nostra vita spirituale.

Quindi il Reiki può essere definito Forza Vitale Spiritualmente Guidata. È la consapevolezza Universale chiamata Rei che guida la forza vitale o Ki nella pratica che chiamiamo Reiki. Il Reiki dirige se stesso, ha un’intelligenza propria e indipendente dalla volontà del praticante. Il Reiki è così semplice che può essere usato da chiunque, anche dai bambini, non lo si apprende, lo si accetta.

Perché imparare Reiki?

Lavorare con il Reiki accresce la consapevolezza del Sé accelerando lo sviluppo personale. Il Reiki amplifica e rafforza la capacità naturale di guarire.

Per essere in grado di canalizzare Reiki si segue un seminario di primo livello che si svolge nel corso di un giorno. Durante il seminario vengono fatte le attivazioni allo scopo di ripulire e liberare i canali energetici e consentire all’Energia Vitale Universale di fluire attraverso il corpo, viene inoltre insegnato a praticare trattamenti a se stessi e agli altri. Le attivazioni permettono di canalizzare il Reiki per tutta la vita.

Le attivazioni Reiki mettono in moto assestamenti fisici, emotivi e spirituali profondi. Dopo aver ricevuto le attivazioni è possibile trasmettere l’energia Reiki a coloro che desiderano riceverla e lavorare su se stessi per raggiungere un maggior equilibrio interiore.

Dopo qualche tempo è possibile accrescere la propria capacità di trasmettere energia Reiki seguendo un corso di secondo livello, che comprende tre ulteriori attivazioni e l’insegnamento delle tecniche per il trattamento a distanza.

Che cosa si impara durante i corsi?

Reiki 1° livello. Con il primo livello Reiki si viene iniziati all’energia Reiki dal Reiki Master tramite la prima attivazione. Vengono insegnate le origini del Reiki, come usare l’energia e le posizioni delle mani per l’autotrattamento e per il trattamento ad altri attraverso l’imposizione delle mani.

Reiki 2° livello. Con il secondo livello Reiki si ricevono tre attivazioni e si imparano i primi 3 simboli. I simboli vengono usati per aumentare la potenza dell’energia Reiki, per risolvere problemi di tipo emotivo/mentale e per trasmettere Reiki a distanza. Il primo simbolo potenzia ed amplifica la trasmissione di energia, il secondo è usato per bilanciare le energie mentali ed emotive, il terzo simbolo si usa per trasmettere energia a distanza. Allo studente viene insegnato a visualizzare i simboli e a tracciarli.

Reiki 3° livello. Con questo livello si riceve un’altra attivazione e si impara il simbolo Master. Viene insegnato come attivare altri al Reiki e come insegnarlo. Il terzo livello è per chi decide di intraprendere e seguire il percorso Reiki fino al suo massimo potenziale. Essere attivati al terzo livello apre alla capacità di massima trasmissione del Reiki. Quest’attivazione promuove l’evoluzione spirituale in quanto la frequenza vibratoria della persona si eleva continuamente con l’utilizzo del Reiki a scopo terapeutico su se stessi e sugli altri.

I principi di Mikao Usui
Proprio oggi

1 – Non essere adirato

2 – Non ti preoccupare

3 – Sii grato

4 – Lavora sodo (su di te)

5 – Sii gentile verso i tuoi simili

Se hai ancora domande o dubbi sul Reiki, puoi consultare la pagina dedicata alle domande frequenti e aggiungere la tua domanda se vedi che non c’è la risposta che stai cercando :-); se sei interessato a frequentare un corso, invece, puoi consultare il calendario e iscriverti via mail all’indirizzo info@laverabellezza.com

Arrivederci al prossimo aggiornamento 🙂

Maria

Taggato , , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

2 risposte a Reiki

  1. Marco dice:

    grazie Maria di questo bel post, trovo che hai saputo sintetizzare bene i
    punti chiave sul Reiki e condensare nello spazio limitato molte
    informazioni e conoscenze importanti e potenti. Mi ha fatto piacere
    leggerlo perché, anche se il Reiki è ormai parte della mia
    quotidianità, mi ha fatto bene fermarmi un momento per riconoscere la
    bellezza il potere di questo dono.
    Grazie!
    Un abbraccio 🙂
    Marco P

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *